Trusters

L’avvento del crowdfunding immobiliare ha ampliato a dismisura le possibilità di investimento legate al comparto digitale. Difatti, con questa tipologia di attività puoi accrescere i tuoi guadagni restando comodamente a casa.

Trusters

In più, hai l’opportunità di contribuire alla realizzazione di progetti residenziali e commerciali sparsi per il globo grazie al supporto di piattaforme specializzate altamente performanti. Una di queste è Trusters (Sito Ufficiale) e sarà l’assoluta protagonista di questa recensione.

Che cosa è Trusters? Recensione ed opinio 2022

Il team alla base di Trusters (Sito Ufficiale) ha ideato un sistema innovativo per sostenere economicamente il mercato immobiliare minimizzando i rischi.

La sua mission si basa su una tipologia di investimento capace di darti i profitti sperati in men che non si dica. Pertanto, troverai proposte, iniziative e soluzioni cono scadenze brevi che si avvalgono, nel contempo, della partecipazione di soggetti affidabili e ampiamente trasparenti.

Trusters e il lending crowdfunding

Quando usi Trusters (Sito Ufficiale), sai che la tua attività finanziaria si baserà sul lending crowdfunding. In pratica, concederai una sorta di prestito a breve termine sul quale matureranno degli interessi periodici.

Qualora l’immobile o il complesso residenziale venga venduto, percepirai persino una remunerazione che si aggiunge al recupero del capitale che hai investito in precedenza.

Perché conviene investire attraverso il crowdfunding immobiliare?

Trusters (Sito Ufficiale) soddisfa le tue aspettative di guadagno in maniera esemplare. Ciò è dettato, essenzialmente, dalla convenienza di una tipologia di investimento i cui tassi di rendimento sono più alti della media. Inoltre, puoi diversificare la tua attività puntando su varie tipologie di soluzioni e non dovrai sostenere alcun tipo di spesa aggiuntiva.

Come funziona Trusters?

La piattaforma in questione seleziona accuratamente le società proponenti che voglio ottenere dei fondi per le loro idee edilizie.

Dopo aver ultimato i controlli di routine, ti offre un ampio catalogo dove troverai ogni genere di informazione, dai tassi di rendimento all’importo minimo da versare.

Trusters e la blockchain

A sostegno di quanto detto poc’anzi c’è la blockchain, ossia una sorta di banca dati digitale garantita da un sistema di crittografia tecnologicamente avanzato. L’immutabilità dei dati fa, poi, il paio con una tracciabilità che ti permette di dormire sonni tranquilli, a prescindere dalla tipologia del progetto che scegli.

Trusters si affida a Swiss Crowd, una delle realtà più affermate del settore che monitora costantemente la reale attendibilità di parametri come:

  • Data inizio prestito;
  • Data conclusione progetto;
  • Termine per la restituzione del prestito;
  • Ragione sociale e partita IVA soggetto proponente;
  • ROI annuo;
  • Tasso di interesse del finanziamento.

Cosa bisogna fare per iniziare ad investire con Truster?

Usare Trusters (Sito Ufficiale) è molto semplice. Innanzitutto, devi recarti sul suo Sito Ufficiale per effettuare la registrazione. La creazione dell’account è a costo zero e richiede l’inserimento di alcuni dati come nome, cognome, indirizzo di posta elettronica, recapito telefonico e password.

Dopodiché dovrai caricare un documento di identità valido – scegliendolo tra la carta di identità e il passaporto. Infine, non ti resta altro da fare che collegare il tuo conto corrente bancario al wallet digitale di Trusters.

Sappi che ogni transazione, sia in entrata che in uscita, è gestita da LemonWay, un istituto di pagamento telematico certificato dalle autorità più importanti del panorama finanziario.

Il deposito minimo e la scelta del progetto da finanziare

Per attivare il tuo portafoglio digitale dovrai versare un importo la cui soglia minima è pari a 100 euro, mentre il massimale si attesta sui 50.000 euro.

Ad ogni modo, ogni progetto ha le sue peculiarità, per cui devi cliccare la sezione denominata Finanzia per trovare, in pochissimo tempo, l’iniziativa che si adatta meglio alle tue esigenze.

Qual è il rendimento medio di un progetto presente su Trusters?

Il tasso di rendimento che caratterizza i progetti immobiliari di Trusters (Sito Ufficiale) segue una media pari al 9%.

Al di là di ciò, puoi comunque monitorare l’andamento dei tuoi investimenti attraverso un’apposita vetrina digitale collegata alla tua area personale. In più, i tassi di rendimento si basano su un calcolo annuo, pertanto se un progetto dura meno di 12 mesi potresti ottenere un valore percentuale diverso da quello proposto inizialmente.

Ripensamento e restituzione dell’investimento con progetti non concretizzati

Potrebbe capitarti di avere un ripensamento sulla somma che hai investito in uno o più progetti pubblicati da Trusters. Ebbene, in questo caso hai 14 giorni per “annullare” il tuo investimento; una volta superato questo termine, dovrai attendere la scadenza fissata dalla società di turno per questo genere di operazioni.

Qualora, invece, tu abbia contribuito ad un’iniziativa che non si è concretizzata, il denaro bloccato potrà essere reinvestito in altre iniziative. Solitamente, a un progetto bastano 30/35 giorni per raggiungere il target.

Comunque, va detto che ci sono anche delle società proponenti che certificano il successo di una raccolta fondi persino quando incamerano meno del previsto. In quel caso, il tuo investimentoresterà nelle loro attendendosi ai parametri previsti dalle Condizioni particolari di finanziamento di Trusters.

Posso aumentare l’importo del finanziamento che ho fatto su Trusters?

Riuscire ad incrementare l’importo di un finanziamento che hai fatto non è così scontato come sembra. Molte delle proposte che trovi su Trusters (Sito Ufficiale) hanno un periodo di raccolta piuttosto breve, pertanto se decidi di aumentare il tuo contributo in tal senso devi muoverti con larghissimo anticipo.

La tassazione degli investimenti fatti su Trusters

Trusters (Sito Ufficiale) – così come altre piattaforme legate al crowdfunding immobiliare – non operano come sostituto di imposta. In altre parole, i finanziatori e le società proponenti ricevono degli introiti che formano il reddito capitale percepito in un anno.

Quindi, nel momento in cui procedi con la dichiarazione dei redditi, sappi che devi includere anche i proventi ottenuti con questa attività. La tassazione prevista per l’occasione è pari al 26% e si può dichiarare il tutto anche mediante un modello 730 o un modulo IRES – qualora tu sia identificabile come una persona giuridica.

Un principiante può investire nel crowdfunding immobiliare con Trusters?

Se pensi di avere delle lacune in merito al settore immobiliare, puoi comunque metterti in gioco approfittando del servizio Trusters PRO (Sito Ufficiale).

Dopo aver effettuato la registrazione sul Sito, puoi richiedere un ulteriore benefit che ti metterà in contatto con una community pronta a fornirti tutte le informazioni di cui hai bisogno. In più, hai un accesso garantito a corsi, webinair e molto altro ancora per migliorare le tue competenze e spulciare quelli che sono i trend del momento.

Trusters: opinioni 2022

Chi usa Trusters (Sito Ufficiale) costantemente – o lo ha fatto in passato – ha trovato ciò che cercava senza troppi fronzoli. Quindi, i pareri e le opinioni su questa piattaforma sono estremamente positivi, se non altro per la sua immediatezza e per il livello di tutela che assicura a qualsivoglia tipologia di investitore.

Ciò che, poi, esalta le peculiarità di Trusters è, a detta di molti, la sua propensione verso una cultura immobiliare.

Il materiale didattico e formativo che, come detto poc’anzi, fornisce ai suoi utenti alza il livello medio di conoscenza di un ambito che ama rivoluzionare le proprie caratteristiche.

Conclusioni finali

Leggere questa recensione ti ha permesso di acquisire quella consapevolezza necessaria per investire nel crowdfunding immobiliare.

La scelta di una piattaforma come Trusters (Sito Ufficiale) ti aiuterà sicuramente ad avere dei margini di guadagno molto interessanti.

E se saprai muoverti bene, potrai ottenere un bagaglio di esperienze finanziarie che non hanno nulla da invidiare a quelle maturate dagli addetti ai lavori.

Leave a Reply